Vibrazioni Rock - Il nuovo CD della Banda di Staffolo

MondoBande.it - La banda musicale fa notizia

Mercoledì 26 Giugno 2019, 06:31
  Home | About us | Contatti | Pubblicazione Eventi | Privacy Policy | Cookie Policy Profili: Seguici su TwitterSeguici su FacebookIscriviti al ns. canale Telegram   Google Traduttore:Translate with GoogleTraduire avec GoogleÜbersetzen mit GoogleTraducir con Google   RSSFeed RSS  
ARTICOLIINTERVISTERECENSIONICORSI, CONCORSI, FESTIVALBANDE NEL WEBLINKS
13 Settembre 2013 - Articoli - A proposito di... Versione stampabile
A proposito di... - Di Giuseppe Testa
Le forme e i generi musicali pił importanti (seconda parte)

A proposito di... - Di Giuseppe Testa

(continua da qui)

Senza approfondire le singole voci (perché non è questo l’intento del lavoro), diamo adesso di seguito una scheda riassuntiva sulle principali forme della musica vocale e strumentale, consapevoli del fatto che nel corso dei secoli altri schemi da questi derivati o di nuova creazione hanno coinvolto i compositori.

FORME DEL GENERE VOCALE
  • Lauda: (1200-1700 ca) canto di tipo monodico; forma strofica con ritornello. Il rapporto tra testo e musica è sillabico.
  • Mottetto: (dal sec. XIII al ‘900) forma polifonica vocale o vocale-strumentale su testo sacro che sfrutta la tecnica dell’isoritmia. Ad ogni frase letteraria corrisponde un’idea musicale da cui nasce un episodio polifonico o omofono.
  • Messa: raggiunge intorno al 1000 la forma attuale ed è la principale composizione liturgica polifonica. Si compone di 5 parti fisse (Kyrie – Gloria – Credo – Sanctus - Agnus Dei) ed altre che variano secondo le festività. Nella messa da requiem si omettono il gloria e il credo e si aggiunge il dies irae.
  • Madrigale: composizione in stile polifonico con testo in lingua volgare del periodo rinascimentale; la forma equivale a quella del mottetto.
  • Frottola: (‘400 - ‘500) breve componimento su una strofa di 8 versi di argomento amoroso in stile polifonico.
  • Canzone: (dal ‘200 al ’600) il termine appare in opposizione al mottetto per indicare il carattere profano della musica. La canzone moderna nasce alla fine del ‘700 e formalmente alterna una serie di strofe al ritornello.
  • Romanza: (origine ‘700 ca) composizione per canto e pianoforte di carattere sentimentale senza una struttura definita. Nel ‘900 ha carattere salottiero; nell’opera indica le arie di intonazione patetica. Nella seconda metà del sec. XVIII in Germania indica una breve composizione strumentale dai caratteri espressivi e formali simili a quelli della romanza vocale.
FORME DEL GENERE VOCALE E STRUMENTALE
  • Mottetto: (vedi precedentemente)
  • Romanza: (sec. XIX e XX) composizione per canto e strumenti, per lo più pianoforte, di carattere amoroso e struttura indeterminata (generalmente secondo lo schema A-B-A’).
  • Aria: (origine fine ‘400) forma musicale di tipo strofico. Nel ‘600 la forma era bipartita A-A’ opp. A-B. In seguito si sviluppò la forma tripartita A-B-A’
  • Recitativo: (origine ‘600) si tratta di un cantare appena intonato caratterizzato da un ritmo libero e irregolare legato al testo. Si distingue: il R. semplice o secco in cui la voce è appena accompagnata dal solo basso continuo; R. accompagnato o obbligato o strumentato, di carattere più arioso in cui la voce era accompagnata dall’orchestra.
  • Oratorio: (origine metà del ‘500) composizione di carattere narrativo e di argomento sacro per soli, coro e orchestra. Formalmente è un seguito di pezzi chiusi, recitativi, arie, duetti e cori (polifonici, fugati e corali).
  • Caccia: nel periodo medievale indicava un procedimento contrappuntistico chiamato in seguito canone su cui la composizione si basava. I testi descrivono scene animate, spesso venatorie.
  • Cantata: (origini sec. XVII) può avere carattere sia sacro che profano, si articola in diversi brani di andamento contrastante e alterna recitativi ed arie.
  • Corale: (origine 1523 ca.) forma di canto liturgico dei paesi protestanti generalmente armonizzato a 4 parti con la melodia nella parte superiore.
  • Lied: (origine ‘300 ca.) il termine indica varie espressioni poetico-musicali tedesche. Nel romanticismo ha forma generalmente tripartita; tale struttura viene spesso impiegata nel tempo lento della sonata, del quartetto, della sinfonia, ecc..
  • Serenata: (origine Medioevo) il termine significa “musica della sera” e nel ‘600 indicava un concerto di voci e strumenti eseguito sotto il balcone della persona cui si voleva rendere onore o sedurre. Ha origini e caratteri popolari e struttura semplice e libera e si potrebbe collocare come forma nella via di mezzo tra il divertimento e la sinfonia.
FORME DEL GENERE CAMERISTICO
  • Concerto grosso: (origine fine ‘600) composizione in più tempi in cui un piccolo gruppo di esecutori detto “concertino” si contrappone al tutti dell’orchestra, svolgendo una sorta di dialogo.
  • Lied: (vedi precedentemente).
  • Divertimento: (origine seconda metà del sec. XVII) composizione profana vocale o strumentale di carattere ricreativo e di intrattenimento, senza forma fissa.
  • Duo: (origine ‘500) composizione per 2 voci o 2 strumenti liberamente concertanti e di pari livello. Si articola spesso secondo lo schema della sonata.
  • Trio: composizione per tre esecutori del periodo classico o romantico.
  • Quartetto: (origine ‘600) termine che si presta a diversi significati: indica ad esempio una composizione a 4 parti per voci o per organico strumentale, indica anche un brano per 4 solisti nell’opera, nell’oratorio e nella cantata. Dal ‘700 lo schema adottato dal quartetto è la forma–sonata diviso in tre movimenti, a cui se ne aggiungerà presto un quarto.
  • Quintetto – Sestetto – Settimino – ottetto: composizioni aventi la medesima forma della sonata destinati però a 5-6-7-8 esecutori.
  • Invenzione: (origine fine ‘600) indica una composizione in forma libera generalmente in stile imitativo.
FORME DEL GENERE SOLISTICO
  • Sonata: (origine ‘500) termine che nel tempo ha indicato differenti composizioni strumentali raggiungendo la sua forma definitiva nella seconda metà del ‘700 con Haydn, Mozart e Beethoven. La sonata è generalmente composta da 4 movimenti, ognuno dei quali rispecchia un determinato schema costruttivo. Il primo tempo è in forma-sonata (tripartito e bitematico). Il secondo può essere organizzato a modo di canzone (di solito ternaria) o di rondò o marcia funebre o più raramente come tema con variazioni. Il terzo tempo è quasi sempre uno scherzo oppure un minuetto. Il quarto tempo è in forma di rondò oppure in forma-sonata o un rondò-sonata (sintesi dei precedenti schemi).
  • Toccata: (origine ‘400-‘500) composizione destinata a strumenti a tastiera con carattere di improvvisazione e forma libera secondo l’estro del compositore.
  • Ricercare: origine ‘600) il termine indica una composizione strumentale basata sull’imitazione della forma libera.
  • Fantasia: (origine ‘500) composizione strumentale di forma assai libera destinata a strumenti a tastiera o a pizzico.
  • Capriccio: (origine sec. XVII) composizione strumentale simile al ricercare e alla fantasia, di carattere virtuosistico e forma libera.
  • Preludio: (origine sec XV) il termine si riferisce a composizioni di musica strumentale e designa brani formalmente liberi.
  • Fuga: (origine sec. XIV) composizione basata sull’imitazione e specificatamente sul canone (vedi forma precedentemente).
  • Suite: composizione strumentale di origine barocca i cui movimenti hanno carattere di danza tutti nella stessa tonalità. Si alternano generalmente danze più lente in movimento binario, con altre più vivaci in ritmo ternario.
  • Improvviso: (origine inizio sec. XIX) breve composizione strumentale di forma libera che dà all’ascoltatore l’impressione dell’improvvisazione estemporanea.
  • Ballata: (origine sec. XIII) composizione strofica destinata al canto e alla danza. In seguito in epoca romantica si rinnova in forma strumentale con riferimenti formali assai liberi e con carattere evocativo.
  • Canzone: (origine ‘200) composizione di struttura strofica di destinazione per lo più vocale, ma non mancano esempi strumentali (vedi forma precedentemente).
  • Ciaccona: (diffusa nel sec. XVII in Europa) danza di origine spagnola o latino americana, inizialmente di carattere vivace, si trasformò in seguito in austera danza di corte, in tempo ternario su un basso ostinato.
  • Passacaglia: (origine ‘600 ca.) consiste in variazioni su un basso ostinato di ritmo ternario e andamento moderato.
  • Bagatella: (origine intorno al ‘700) composizione breve e vivace per lo più destinata a strumenti a tastiera senza una forma rigorosa.
  • Studio: (i primi esempi si hanno intorno alla metà del 1600) generalmente con tale termine si definiscono brani dal carattere didattico destinati ad un solo strumento, piuttosto brevi e spesso riuniti in raccolte. Si propone di esplorare, ricercare e risolvere un problema tecnico di esecuzione o di scrittura strumentale.
FORME DEL GENERE SINFONICO
  • Sinfonia: Il termine indica una composizione per strumenti a partire dal sec. XV. Formalmente rispecchia l’architettura sonatistica ed è di solito in 4 tempi.
  • Poema sinfonico: (origine metà ‘800) composizione in un solo tempo senza una forma prestabilita ispirata a impressioni della natura, pittoriche o fantastiche, o a programmi letterari o filosofici. Costituisce la realizzazione formale più completa della musica a programma.
  • Concerto solista: (origine ‘700 ca.) contrappone al tutti dell’orchestra uno strumento (rappresenta quindi una variante del concerto grosso). Il solista ha un ruolo predominante e mette in mostra tutta la sua maestria. E’ generalmente in 3 tempi: Allegro - Adagio - Allegro.
  • Minuetto: (introdotto in Francia nel sec. XVII) danza francese in ¾ di origine popolare. Ha forma tripartita e rappresenta spesso il terzo tempo di una sinfonia.
  • Rondò: (vedi precedentemente).
  • Rapsodia: composizione poetica e musicale recitata nell’antica Grecia. Dal XIX sec. indica una composizione strumentale e sinfonica di forma e stile liberi molto vicina alla fantasia, basata su ritmi e melodie popolari e nazionali con carattere coloristico e virtuosistico.
  • Ouverture: il termine appare all’inizio del ‘600 indicando una composizione orchestrale che serve da introduzione a un’opera lirica. Nell’800 si afferma come pezzo sinfonico a sé stante inizialmente scritto in forma di primo tempo di sonata e in seguito in forma libera divenendo una composizione a programma.
  • Scherzo: (origine ‘600) dalla fine del sec. XVIII indica un movimento rapido a ritmo ternario in forma ternaria dal carattere giocoso e fantasioso che costituisce generalmente il terzo tempo di una sinfonia o sonata o quartetto.
FORME DEL GENERE TEATRALE
  • Opera: (origine fine ‘500) spettacolo teatrale in cui l’azione si concretizza attraverso la musica e il canto. Nel corso dei secoli si introducono varie denominazioni che apportano varianti formali al genere: opera seria, buffa, comica, singspiel, ecc..
  • Operetta: (origine seconda metà dell’800) spettacolo di teatro musicale in cui si alternano brani cantati, danze e scene recitate in prosa.
  • Commedia musicale: si è diffusa alla fine dell’800 in Inghilterra e in America col nome di Musical. Rappresenta la via di mezzo tra l’operetta e la rivista.
  • Balletto: (le origini si perdono nella notte dei tempi) rappresenta uno spettacolo di danza regolato da figurazioni, gesti e movimenti precostituiti (coreografia), con musica, scene e costumi.

APPENDICE
Ritengo opportuno in queste pagine, visto lo scopo principale del lavoro, commissionato dall’A.M.B.I.M.A Sicilia, di parlare della marcia e della sua struttura.
La marcia: composizione in ritmo binario il cui principale scopo è quello di far marciare le persone. La troviamo impiegata in forme di vario genere e organico strumentale.
I principali impieghi sono:

  • Nella musica pianistica, soprattutto nella letteratura per i più giovani.
  • Nella musica sinfonica, sia come brano a sè, che facente parte come tempo di una sinfonia o di una suite.
  • Nella musica teatrale, dove spesso viene utilizzata per spostare in scena intere masse, di frequente con l’inserimento del testo cantato da un coro. A volte troviamo proprio la banda in scena.

Diciamo subito comunque che nei casi citati la forma non è sempre definibile, si tratta a volte di brani che hanno il carattere della marcia, ma non la struttura vera e propria.
La destinazione principale della marcia è sicuramente la Banda ed è nella letteratura per questo organico che troviamo infatti veri capolavori.
In base al carattere dobbiamo distinguere: marcia militare, marcia sinfonica, marcia funebre, marcia trionfale, marcia nuziale, marcia religiosa, ecc.. La forma di queste marce è per lo più uguale.

La stragrande maggioranza delle marce militari, trionfali o le cosiddette “marce da passo”, sono scritte in 2/4 o in 6/8 e hanno la seguente struttura:

  • Introduzione di 4 misure con inizio e fine alla tonica o alla dominante.
  • Prima parte di 16 o 32 misure ritornellate con fine generalmente alla tonica.
  • Seconda parte della stessa lunghezza della prima, di frequente con un nuovo tema alla dominante o al relativo minore affidato al cosiddetto “baritonale” (flicorni baritoni, tuba, tromboni, sax tenore e a volte anche corni e sax baritono).

    A questo punto spesso ma non sempre viene ripetuta la prima parte.
  • Trio generalmente di 32 misure con ritornello di solito alla sottodominante con una nuova idea dolce e cantabile, a volte preceduto da 4 misure di introduzione. Può seguire una ripetizione da capo non sempre presente.

Lo schema si può quindi così sintetizzare: (intr.) - A - B - (A) - (intr.) - C

La marcia sinfonica è sicuramente la più alta espressione musicale della musica per banda: nel corso dei decenni ha resistito a critiche e ricevuto ovazioni da parte degli addetti ai lavori e non solo. L’area di sviluppo è il Centro - Sud dell’Italia negli anni Venti.
La maggior parte delle marce sinfoniche sono scritte in 4/4 ed hanno un andamento più lento e una durata maggiore della marcia precedentemente esposta, dovuta ad una struttura più allargata. La differenza più importante tra le due va comunque ricercata nel contenuto; nella marcia sinfonica si ha un linguaggio musicale sempre più vicino alla musica colta, e inoltre sono più ricercate le armonie, i ritmi e la strumentazione. Quella militare invece, come abbiamo visto, ha una struttura più semplice sia nella forma che nelle armonie.
La marcia sinfonica può rappresentare l’anello di congiunzione tra la marcia e il brano da concerto odierno, ed è riuscita negli anni a creare ed arricchire il repertorio originale della musica per banda. Inoltre rappresenta un vero e proprio genere musicale che va sempre più guardato con considerazione dai maestri e dal pubblico perché rappresenta un’espressione culturale vera e genuina della nostra Italia.
A differenza della precedente, la marcia sinfonica non ha una struttura ben definita nella forma e nell’armonia: il tutto è affidato al gusto e alla creatività del compositore.
Cosa spesso comune è rappresentata dall’alternarsi dei temi affidati ora ai clarinetti (con passi virtuosistici), ora al baritonale (con passi più lirici e cantabili), ora contrappuntati con canto e contracanto tra le due classi, intervallati da parti d’insieme o squilli di ottoni (trombe, tromboni, corni). Altra caratteristica quasi costante del genere è rappresentata dal tema finale che è ripreso da uno dei temi principali precedentemente esposto, suonato però in “ff” e spessissimo accompagnato con un ritmo di crome ribattute o in contrattempo che porterà alla conclusione.
E’ giusto quindi riscoprire e proporre nei concerti e non solo, queste splendide pagine musicali ricche di fascino e situazioni inconsuete.



Boario Edizioni Musicali: dal 1923 passione per la musica che si fa sentire
Mondus Novus
Gomalan Brass Quintet - Ten Years
 
L'angolo di Tim Reynish - La nuova rubrica di MondoBande.it!
 RECENSIONI
Leccesina
Leccesina
Di Giuseppe Piantoni
Medea
Medea
di Giuseppe Piantoni
Strumenti, suoni e colori della banda
Strumenti, suoni e colori della banda
Per conoscere e comprendere l'affascinante tradizione della Banda
Antonio Martino
2014 Editrice Salentina - Galatina
Fantastic in band
Fantastic in band
Associazione Banda Musicale Città di Orzinuovi
Direttore: Giancarlo Locatelli
Centocinquant'anni di Banda
Centocinquant'anni di Banda
La Banda Cittadina di Darfo Boario Terme ha raccolto in un bel libro tutta la sua storia, tutta da scoprire
... Tutte le recensioni 
Avviso a Compositori, Editori, Autori, ecc.: per una recensione su MondoBande.it di brani, libri o metodi, CD e DVD, contattateci.