A Milazzo vincono la musica e la Banda Musicale P. Mascagni

Applausi per due notti da oscar della musica, una sfilata lungo le vie cittadine ed una cornice di pubblico entusiasta hanno celebrato, nel migliore dei modi, la VII edizione della “Rassegna Nazionale Bande Musicali Orchestre di Fiati”.

Come da tradizione, a chiudere la kermesse musicale ci ha pensato la locale Banda Musicale “Pietro Mascagni” Città di Milazzo. Variegato ed impegnativo il repertorio dei brani. In particolare, fra questi: “Sinfonia nobilissima” di Robert Jager e “Ross Roy” di Jacob de Haan (olandese di Heerenveen che ha diretto personalmente i milazzesi durante l’esecuzione della sua composizione).
La rassegna ha rappresentato, oltretutto, l’occasione per festeggiare i 20 anni di direzione artistica del Mº Giuseppe Maio, alla guida della banda mamertina ininterrottamente dal 1995.

Sul palco anche la Junior Band di Milazzo la quale ha aperto il concerto con “L’Inno di Mameli” e la “Symphonische Jugend Blasorchester” dello Stato del Baden- Wurttemberg, impronta internazionale dell’evento. L’orchestra giovanile tedesca ha dato sfoggio delle proprie capacità eseguendo la famosa “Jazz Suite” di Dmitri Shostakovich.
La prima sera si sono, invece, esibite: Concert Band Melicucco (Reggio Calabria); Banda Musica “V. Bellini” di Antillo; Associazione Pentamusa “Nebrodi Junior Band”.

Premiati sul palco dell’Atrio del Carmine, insieme a Jacob de Haan, i maestri Felix Hauswirth (svizzero, professore di direzione d’orchestra al Conservatorio di Basilea), Giuseppe La Rosa (docente di composizione al Conservatorio musicale di Palermo), Virginio Zoccatelli (docente di composizione al Conservatorio friulano di musica a Udine) e Andrea Loss (docente trentino, che per qualche minuto ha nuovamente diretto la banda di Milazzo). Premi anche per i corsisti del workshop finale, svoltosi dall’1 al 3 settembre, del Masterclass Annuale di Direzione, Concertazione e Strumentazione. Presente anche il Mº Alfio Zito, presidente Fe. Ba. Si. (Federazione Bande Siciliane).

Prima di riascoltare le note dell’Inno di Mameli, il congedo del Mº Maio: “Ringrazio i miei ragazzi e tutti coloro hanno dato il cuore per il buon esito della rassegna. Grazie a tutti i maestri presenti, alle bande partecipanti, alla platea ed alla città di Milazzo”.
Appuntamento al prossimo anno, per assistere ad un’altra vittoria della Musica.

(a cura di Arcangelo S.)